Salta al contenuto Passa al footer
In offerta!

Trattato di pace et accommodamento

10.0019.00

Informazioni aggiuntive

Autore

Genere

Pagine

352

ISBN

978-88-8234-207-4

Stato

,

Descrizione

Il Trattato di pace et accommodamento, composto tra 1619 e 1620, ci consegna l’interpretazione di più ampio respiro che Paolo Sarpi diede sui pirati uscocchi, problema lungamente studiato attraverso una mole di materiale documentario diligentemente raccolto. Con vivo gusto dell’indagine il servita ripercorre gli anni dalla fine del 1615 all’estate del 1619, destinando la narrazione a quanti desideravano essere «minutamente informati» sulla complessa e discussa questione dell’egemonia adriatica di Venezia. Così il Trattato, con la dettagliata rappresentazione dell’occulta tela di maneggi e di ostilità che corre da Madrid a Milano e a Napoli, disvela la ramificazione dell’unitaria trama intessuta contro la Repubblica di Venezia e addita nella Spagna con i suoi inquieti rappresentanti (dal duca di Ossuna al marchese di Bedmar, a don Pedro di Toledo) l’artefice principale della minaccia incombente sui destini della Serenissima. Ma l’improvviso precipitare degli avvenimenti tra il 1620 e il 1621 indusse Sarpi ad abbandonare il Trattato, che non ottenne mai l’autorizzazione alla stampa.